Skip to content

La guerra santa della guida St.Michelin

novembre 15, 2012

Da ieri un nuovo astro brilla nel firmamento delle tre stelle Michelin: Enrico Crippa. Il giovane chef che opera ad Alba, farcito di talento, ha entusiasmato tutto il popolo dei gourmet. Ma c’è qualcuno che lo sta studiando da tempo. E in gran segreto. Nelle sale più nascoste dei sacri palazzi, di là dal Tevere, il Sant’ufficio marketing del Vaticano sta organizzando un piano d’attacco alle guide gastronomiche e al relativismo materialista dell’alta ristorazione italiana. La prima mossa dell’apostolica strategia è andata a buon fine: far togliere l’Imu dai santi ristoranti. Sì, è concorrenza sleale, ma il fine giustifica l’esenzione. E poi non è il lucro l’obiettivo, ma il contrasto alla crisi vocazionale. Da un documento secretato del fascicolo Vatileaks è emerso un piano per prendere i fedeli per la gola.

La strategia si riassume in cinque punti 1. Creare una guida alternativa con tre croci o tre tiare al posto delle tre stelle e chiamarla St.Michelin. 2. Creare un nuovo ufficio apostolico, il Propaganda Cibo, con a capo il cardinal Bocuse, lontano parente del tristellato francese. 3. Depenalizzare il peccato di gola. 4. Organizzare un servizio catering di classe per i pellegrini (es. degustazione di fromages des Pyrénées a Lourdes con chutney di pesche e assoluzione plenaria o verticale di capesante sulla via di Santiago con visita alle cantine locali). 5. Contrastare l’ortodossia culinaria.

Quest’ultimo punto è quello che ha fatto sobbalzare i vaticanisti più accorti. Un alto prelato, dopo la quarta bottiglia di Châteauneuf-du-Pape, ha fatto capire che sarebbe in atto una lotta intestina tra due visioni della chiesa gourmand. Da una parte la tradizione con suor Madaleine, seguace di Suor Germana e autrice del libro-denuncia: Una lefrebvriana in cucina. Dall’altra le frange più moderniste della chiesa che chiedono una nuova trasparenza sulle materie prime, le cotture a bassa temperatura e la stagionalità dei prodotti. E invocano un’enciclica per chiedere perdono ai morti sul rogo, vittime di una tecnica di cottura decisamente sbagliata e addirittura cancerogena. Non è sfuggita agli osservatori più acuti una mini-sommossa delle guardie svizzere al grido di: più rösti meno pajata. Ma la domanda più inquietante è: perché la Germania ha più tre stelle Michelin dell’Italia? Non è che San Pietro c’entri qualcosa?

Testi e disegni di Gianluca Biscalchin

Cibology credits 2012 – testi & disegni © Gianluca Biscalchin

Pubblicato su 

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: