Skip to content

Le larghe intese si fanno con l’aglio

gennaio 9, 2011

C’è un paradosso nella politica italiana. Sì, che nessuno si stupisca: Berlusconi odia l’aglio, più di Fini, delle cene tra l’amico Giulio e l’amico Umberto, più dei pm e dei comunisti in cachemire. Lo odia visceralmente. Tempo fa pare abbia ordinato al suo luogotenente Rosella di riscrivere le guide culinarie in versione garlic free. Eppure l’aglio è più potente del Viagra. Lo dice la BBC. Secondo nuovi studi uno spicchio di oro bianco combatte le disfunzioni erettili meglio delle pasticche azzurre . E qui sta il paradosso, per chi abbia voglia di coglierlo.

Certo l’effetto-olezzo rischia di tramortire il partner. Ma con un congruo risarcimento si sopporta tutto. Anche un alito da bagna cauda. I veri uomini e le vere donne, però, non lo temono. Anche perché l’aglio è la struttura, la base, il fondamento della cucina mediterranea. Sarebbe come sottrarre ad uno svedese il burro o ad un cinese il riso. L’aglio dà stabilità. Come fidarsi di un uomo che non morderebbe uno spicchio di aglio rosso di Sulmona con voluttà? Come votare per chi ignora le infinite note aromatiche dell’aglio di Voghiera dop? o quello polesano, quello di Monticelli, di Vessalico?

L’aglio sprigiona vita, energia, passione, struttura, carattere, prospettiva. E sesso. Chi lo odia, odia l’essenza stessa del piacere. Un consiglio al Pd (o a Futuro e libertà, Di Pietro, Nichi Vendola, Lega&Tremonti, Mara Carfagna, Stefania Prestigiacomo, gli chef di sinistra, la redazione di Repubblica, gli studenti in piazza): mettete dell’aglio nei vostri “fucili”, nelle vostre sedi partito, nelle sezioni, nelle università, nei vostri discorsi, nelle vostre borsette e soprattutto nelle vostre bocche. E partite tutti insieme alla conquista del palazzo al grido alitante di Sympathy for the Galic!. Statene certi: è questa l’unica plausibile strategia politica per allontanare l’uomo della sfiga.

Testi e disegni di Gianluca Biscalchin

Cibology credits 2011 - testi & disegni © Gianluca Biscalchin


Annunci
8 commenti leave one →
  1. febbraio 21, 2011 12:17 pm

    ma…ma…ma non si può condividere su FB? (sempre che non ti dispiacca, ehh…)
    peccato qs post è bellissimo … 🙂

    • Gianluca Biscalchin permalink*
      febbraio 21, 2011 1:21 pm

      certo, prendi pure…………

  2. febbraio 21, 2011 1:39 pm

    Ora si può condividere

  3. febbraio 21, 2011 10:15 pm

    fatto! grazie 🙂

  4. luglio 10, 2013 11:32 pm

    I have been exploring for a bit for any high quality articles or weblog posts in this kind of house .

    Exploring in Yahoo I ultimately stumbled upon this web site.
    Studying this info So i’m satisfied to convey that I have a very just right uncanny feeling I discovered exactly what I needed. I so much no doubt will make certain to do not omit this site and give it a glance on a constant basis.

Trackbacks

  1. L’aglio e lo spiraglio «
  2. ABSOLUT Coolshaker – Aglio e spiraglio
  3. cibology | L’aglio e lo spiraglio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: